Mese: Luglio 2019

> 2019 > Luglio

Fai un video con lo smartphone e partecipa al “Vertical short movies contest”

Fiesta, il Festival del cinema italo spagnolo rilancia le opportunità per i giovani talenti dell’audiovisivo. Stavolta con un bando dedicato ai cortometraggi verticali, realizzati con lo smartphone, una delle ultime tendenze che sta prendendo sempre più piede per le opportunità che arrivano dal mondo del lavoro, dal campo della moda a quello dello sport, come il golf. Una iniziativa denominata “Vertical short movies contest” che ha preso il via con il lancio di Erasmovies, l’Erasmus del cinema che mette in rete 15 Università tra le migliori eccellenze d’Europa che ruotano intorno al mondo della settima arte (tra cui l’Università la

Leggi di più

PRESS REVIEW
I progetti realizzati da Abilis

2014

CONCERTO D’ESTATE 
Municipio di Manziana

2012

Progetto “INSIDE OUT”: performance su Teatro e Danza con il testo di Flaminia Graziadei inspirata dagli scritti di Antoine Artanaud (parzialmente finanziata dalla Provincia di Roma)

BASTIAN UND BASTIEN di W.A. Mozart – Teatro Goldoni – Palazzo Altems con il patronaggio della Sovraintendenza dei Beni Culturali – MIBAC

2010/2011

 CONCERTI PER IL GIAPPONE – Concerto di beneficenza con il patronaggio della Regione Lazio (in collaborazione con Distrazioni d’arte a.c.

 

CONCERTI DI PRIMAVERA – Musica come supporto per “Percorso di concerti” come supporto per ONLUS come “Progetto Continenti” (in collaborazione con Distrazioni d’arte a.c.)

2009

INVITO ALL’OPERA – Dal sapere alla visione delle opere liriche

2008

LA MUSICA SACRA – Serie di concerti nella Regione Lazio (in collaborazione con Distrazioni d’arte a.c.)

2007

LA POESIA, EMOZIONI DI VITA – Percorso istruttivo su come scrivere poesie

2006

SCRIVERE… MA COME? – Lo scrittore che vive dentro di te

2005

OLTRE LA MUSICA – Alla scoperta di questa forma d’arte

2004

UNA BUSSOLA PER LA VITA – Crescere insieme alla natura (in collaborazione con Cultura Viva a.c.)

2003/2004

ESSERE, ESSERE ATTORE – Diventare interpreti di se stessi